خرید vpn خرید کریو خرید کریو دانلود فیلم خارجی دانلود آهنگ ایرانی دانلود فیلم خرید vpn دانلود فیلم خرید vpn خرید vpn خرید کریو Google
Energie rinnovabili: sessioni formative in Senegal
12
Mag
2015

Energie rinnovabili: sessioni formative in Senegal

La disponibilità di energia elettrica resta ancora un elemento critico nel contesto senegalese, dove la maggior parte dei villaggi nelle zone rurali non sono raggiunti dalla rete di distribuzione. Le possibilità offerte dalle fonti rinnovabili, e in particolare dal solare, costituiscono una opportunità ormai riconosciuta per l’intero continente africano. All’interno del progetto Alimentare lo sviluppo Ipsia e Sunugal hanno previsto interventi nel settore energetico focalizzati sull’installazione di pompe per i pozzi di diversi villaggi, alimentati da pannelli fotovoltaici.

Tale opzione, già sperimentata in alcune realtà, può rappresentare una soluzione stabile e sostenibile per l’approvvigionamento idrico a scopo agricolo, permettendo ai villaggi di sfruttare le aree coltivate anche al di fuori della stagione delle piogge.

Per sviluppare tale azione si è recato a aprile in Senegal Franco Porta, consulente nel settore energetico, già proprietario di una azienda (la Soco srl di Agrate Brianza) coinvolta nella rete di progetto. Oltre a visitare i siti di intervento nei diversi villaggi, la missione è stata occasione per realizzare una formazione tecnica sulla manutenzione delle strutture irrigue e fotovoltaiche presso il Centro ASPAIL di Thies. Il percorso, in cui sono state coinvolte persone dai villaggi ma anche tecnici del centro formativo, ha alternato sessioni teoriche a diverse sperimentazioni sui materiali già in uso: celle e pannelli fotovoltaici, batterie, pompe.

La seconda missione monitorerà l’installazione dei macchinari acquistati, al momento in viaggio verso il Senegal. Il settore energetico rappresenta un ambito di potenziali collaborazioni commerciali fra Italia e Senegal, in cui anche le associazioni di migranti possono avere un ruolo. Risulta però importante favorire un incremento delle competenze tecniche anche in Italia, ambito su cui Sunugal e Ipsia si propongono di lavorare.

Questo sito utilizza cookies necessari per la navigazione, nonché cookies anche di terze parti per finalità analitiche e di controllo della performance. Per l'informativa privacy e le modalità per gestire i cookies: CLICCA QUI.

Ultime notizie

Cosa sta succedendo a Gaza e in Israele?

Cosa sta succedendo a Gaza e in Israele?

Mercoledì 26 giugno alle ore 17

Trasformare una spina in una soluzione

Trasformare una spina in una soluzione

Immaginate di passare ore e ore ogni giorno a tagliare legna, solo per cucinare i vostri pasti. Questa è la realtà per molte donne di Laikipia Nord, faticoso, richiede parecchio...

Chiusi, fuori!

Chiusi, fuori!

Il 4 e 5 maggio la Presidenza Nazionale delle Acli ha scelto di incontrare IPSIA a Bihac dopo aver sottoscritto a Trieste l’appello ai candidati alle prossime elezioni europee ad...

"Chiusi dentro” - Giovedì 30 maggio alle Acli Milanesi

"Chiusi dentro” - Giovedì 30 maggio alle Acli Milanesi

Chiusi Dentro racconta la vita e la storia di queste realtà di questi campi in un dossier curato alla rete RiVolti ai Balcani,

Migrazioni

Trieste è bella di notte - Milano 23 maggio ore 19.00

Trieste è bella di notte - Milano 23 maggio ore 19.00

IPSIA insieme a Caritas Ambrosiana e Farsi Prossimo, in collaborazione con Naga e Zalab, è lieta di invitarvi alla proiezione del film "Trieste è bella di notte"

Benvenuto marzo

Benvenuto marzo

Dopo aver affrontato il freddo inverno bosniaco, ci stiamo avvicinando alla primavera: la neve poco alla volta si scioglie, compaiono i primi fiorellini, le giornate si allungano e il cielo...

TRC Borici a Bihac: da ex studentato a campo di accoglienza per i migranti

TRC Borici a Bihac: da ex studentato a campo di accoglienza per i migranti

Attualmente in Bosnia sono attivi quattro campi per l’accoglienza dei migranti in transito lungo la rotta balcanica due a Sarajevo e due a Bihac

Il TRC di Lipa a un anno dalla nuova apertura

Il TRC di Lipa a un anno dalla nuova apertura

Da più di 5 mesi Anita, Irene, Fatima e Daniele (volontari in Servizio Civile in Bosnia Erzegovina) hanno iniziato il loro servizio al TRC di Lipa, una loro testimonianza