خرید vpn خرید کریو خرید کریو دانلود فیلم خارجی دانلود آهنگ ایرانی دانلود فیلم خرید vpn دانلود فیلم خرید vpn خرید vpn خرید کریو Google
Prima puntata: Bihac, luglio 2021
15
Lug
2021

Prima puntata: Bihac, luglio 2021

MC Rajim si alza, sistema i braccialetti al polso e prende il microfono. Parte la base, le musicalità di un pezzo rap old school si diffondono dalla cassa e lui inizia ad improvvisare sul beat; rappa veloce, senza fermarsi, il pubblico trascinato batte le mani a ritmo. Siamo a Lipa, campo profughi per single men a Bihać, nel nord-ovest della Bosnia, durante una delle attività pomeridiane organizzate da Ipsia per i ragazzi del campo. “In Afghanistan non ho mai potuto rappare su un palco” racconta “non è visto bene il rap”. E poi ci chiede di non pubblicare foto o video dove compaia la sua faccia.

Siamo arrivati a Bihać alla fine di giugno e rimarremo per un anno a svolgere il nostro servizio civile. Siamo Bianca, Cecilia, Rossana e Tommaso, abbiamo tra i 24 e i 27 anni e diverse esperienze di lavoro e volontariato con migranti e rifugiati in Europa, ma un campo brutto come quello di Lipa non l’abbiamo visto spesso. Tendoni militari verdi, caldissimi sotto il sole bosniaco, senza acqua potabile. I bagni chimici diffondono odori pessimi, lo staff dell’agenzia che gestisce il campo non sembra avere molte capacità nel rapportarsi con i profughi. La tensione e l’irritabilità di chi nel campo ci vive la si percepisce subito e alle volte si materializza in scoppi d’ira e colluttazioni, risse. Durante le attività che organizziamo, però, si riesce a creare un clima disteso, si ride e si scherza volentieri e si chiacchiera in un misto di pashtun, urdu, bosniaco, inglese e italiano, con i gesti che aiutano a tradurre le parole che mancano. Ci troviamo bene con i vari pachistani, afghani, iraniani che abbiamo conosciuto a Lipa. Non sono tanti quelli che partecipano alle attività pomeridiane, ma chi lo fa è grato di avere un momento di distrazione dalla quotidianità di Lipa e te lo fanno capire in tutti i modi, con parole gentili o della parata fritta carica di peperoncino. In queste poche settimane di soggiorno abbiamo già visto passare un sacco di gente che un giorno si presenta con uno zaino in spalla e viene a salutare: “I go to game”, dicono, quel game infame che è l’attraversare i confini della nostra Europa fredda e cinica, ammantata di retorica e nuda di violenza. Spesso vengono rimandati indietro a botte, senza zaini cellulari e soldi, bruciati o rubati dalla polizia croata. Capita di parlare con chi ha già provato il game una decina di volte e si trova ancora bloccato nel limbo bosniaco a recuperare le forze e i soldi per un nuovo tentativo. Capita di parlare con chi, dopo due o tre anni, non ha più le forze per provare ad entrare in Europa e ti chiede, sconsolato, il perchè di tutta questa violenza. Sono domande difficili, che ti spiazzano e ti lasciano senza risposte. Ce la farai ad arrivare in Italia, inshalla, se dio vuole, è tutto quello che riusciamo a tirare fuori a denti stretti, maledicendo l’Europa.

Fuori dal campo la vita a Bihać scorre tranquilla, immersa nella natura: la cittadina al confine con la Croazia si trova nel cantone di Una-Sana, che è composto dai nomi di due fiumi piuttosto grossi che ne attraversano il territorio. La Una scorre dietro casa nostra e finito il lavoro andiamo quasi tutti i giorni a nuotare. L’acqua è molto fredda e la corrente piuttosto forte, ma i nostri colleghi bosniaci conoscono i posti dove si può fare il bagno. Uno dei primi weekend andiamo al campeggio di Amar. Ha 26 anni, durante l’estate lavora come guida turistica accompagnando i turisti a fare rafting lungo la Una e d’inverno si arrangia come può per il lavoro. Attorno alla griglia ci sono seduti una quindicina di uomini di mezza età che mangiano ćevapi e bevono rakija e che ci invitano a suonare con loro quando ci vedono con in spalla una chitarra. Cantiamo De Andrè, Zucchero, i Pink Floyd e canzoni in bosniaco che non capiamo, ma niente trascina il gruppo come Bella Ciao, che intonano loro. Per ringraziarci ci offrono da bere.

È facile sentirsi a casa in Bosnia, chi incontriamo è aperto e accogliente e non capiamo come questo possa convivere con la guerra terribile e recentissima che ha sconvolto queste terre. Lo scorso weekend siamo stati a Srebrenica nell’anniversario del genocidio; tra le lapidi bianche abbiamo visto famiglie accompagnare bambini piccoli a salutare parenti che lì, 26 anni prima esatti, avevano perso la vita tra le mani delle truppe serbo-bosniache di Mladić. La guerra ha più o meno la nostra età, anche se in Italia ne sappiamo davvero poco.

È facile sentirsi a casa in Bosnia, difficilissimo immaginarsi cosa voglia dire sentirsi bosniaco e trascinarsi dietro questa eredità in un paese tenuto insieme dalle graffette degli accordi di Dayton.

Questo sito utilizza cookies necessari per la navigazione, nonché cookies anche di terze parti per finalità analitiche e di controllo della performance. Per l'informativa privacy e le modalità per gestire i cookies: CLICCA QUI.

Ultime notizie

Somar

Somar

Venerdì 30 luglio alle 18 si terrà la presentazione ufficiale della piattaforma web Somali Medical Archive

Prima puntata: Bihac, luglio 2021

Prima puntata: Bihac, luglio 2021

Con questo primo testo inauguriamo una rubrica dedicata allo sguardo dei nostri volontari in Servizio Civile. Partiamo con Bianca, Cecilia, Rossana e Tommaso in servizio a Bihac, Bosnia Erzegovina

Online il bilancio sociale 2020 di IPSIA

Online il bilancio sociale 2020 di IPSIA

Un anno che ha segnato e segnerà per sempre la nostra vita e la nostra memoria, inevitabilmente negli anni a venire, il 2020 ci apparirà come uno spartiacque simbolico

Papa Francesco: nuova donazione per il campo rifugiati di Lipa in Bosnia Erzegovina

Papa Francesco: nuova donazione per il campo rifugiati di Lipa in Bosnia Erzegovina

1° luglio, alla presenza del nunzio apostolico in Bosnia Erzegovina è stata posata la prima pietra per due sale polifunzionali e cucine per famiglie e minori

Migrazioni

Papa Francesco: nuova donazione per il campo rifugiati di Lipa in Bosnia Erzegovina

Papa Francesco: nuova donazione per il campo rifugiati di Lipa in Bosnia Erzegovina

1° luglio, alla presenza del nunzio apostolico in Bosnia Erzegovina è stata posata la prima pietra per due sale polifunzionali e cucine per famiglie e minori

Le attività con i migranti in Bosnia Erzegovina: report 2018-2021

Le attività con i migranti in Bosnia Erzegovina: report 2018-2021

Un report per rendere conto pubblicamente del nostro impegno, della nostra attività insieme alle persone in cammino lungo la rotta balcanica

Li vedi camminare, sempre

Li vedi camminare, sempre

E’ un popolo in cammino. Il 20 giugno è la giornata mondiale del rifugiato, celebriamo il vuoto esponenziale di una cultura abituata sempre di più a dividere, anziché unire. Un...

Chiara e Silvia

Chiara e Silvia

A Lipa assistiamo quotidianamente alle conseguenze dei numerosissimi push-back, evidente è il trauma del non comprendere perché sono stati fatto oggetto di una tale violenza senza motivazioni