خرید vpn خرید کریو خرید کریو دانلود فیلم خارجی دانلود آهنگ ایرانی دانلود فیلم خرید vpn دانلود فیلم خرید vpn خرید vpn خرید کریو Google
La cooperazione internazionale italiana
23
Giu
2021

La cooperazione internazionale italiana

La cooperazione internazionale italiana. Un po' di storia. 

 

Se proviamo a fare un excursus della storia della cooperazione troveremo, anche nel lessico del legislatore, un'evoluzione positiva. 

 

La prima legge che pose un minimo di attenzione ai diversi sud fu la legge Pedini del 1966 che permise una sorta di Servizio Civile nei “Paesi in via di sviluppo” in alternativa al Servizio militare. Fu una legge coraggiosa che ruppe il monopolio della caserma sui giovani. Legge poco conosciuta; scusate: poco divulgata. Ma fu comunque importante in quanto fu istituita a soli 25 anni dall'uomo coloniale, imperiale, che cantava “viva il Duce e viva il Re” e che gasava o impiccava i neri nel corno d'Africa. 

 

Poi il '45, l'Onu, la pace nel mondo...che non verrà mai.  Le pressioni internazionali affinché la cooperazione multilaterale (Onu) avesse da parte degli Stati il dovuto per operare fu insistente tant'è che fu introdotto un meccanismo “do ut des” che andava a premiare gli stati più generosi verso la Comunità Internazionale (e ciò spiega come mai l'Italia si sta alternando con la piccola Olanda nel seggio dei 15 del Consiglio di Sicurezza dell'ONU dove passano le relazioni – contatti, contratti, contanti – più impegnativi al mondo). Fu quindi istituita la n. 1222 del 1971 che permise che l'80% dei fondi andasse al multilateralismo e un 20% alla cooperazione tecnica. 

 

Il sottosviluppo degli altri era dato da mancanza di know how: “loro non sanno e quindi non fanno”. Negli anni '70 vi fu un vero e proprio boom degli CFP (Centri di Formazione Professionale) in Italia con le ACLI e in Europa. L'importanza cadeva più sul "saper fare" che sul "saper o saper essere" che è tipo dei boom economici. I fondi della 1222 erano contesi tra 2 ministeri: Tesoro e MAE in una sorta di bizantinismo concorrenziale tipico del bel paese. La risposta paradossale a tutto questo tecnicismo è che l'Africa rispose più con licei che con CFP tant'è che oggi scarseggia di tecnici per riammodernare le 54 capitali coloniali che cadono per la raggiunta vetustà. 

Ma la “cooperazione allo sviluppo” come la intendiamo oggi nacque grazie ai digiuni di Marco Pannella che s'intrecciavano con l'auspicio di Papa Giovanni Paolo II° e il monito di Pertini che auspicò di “svuotare gli arsenali e riempire i granai”. I radicali resero noto che l'Africa da esportatrice di derrate alimentari diventò importatrice, a causa delle monoculture imposte. Non solo di derrate ma anche di armi. 

Fu quindi istituita la n. 38 nel 1979 per la cooperazione internazionale allo sviluppo e si decise che il MAE era il ministero di competenza. Si sono scritti intere enciclopedie sul concetto di sviluppo unidirezionale che era proprio dell'occidente: “io sviluppo te”. Il cooperante era l'esportatore di sviluppo; una sorta di premessa all'esportatore di democrazia che tanti danni fece negli anni '90 in Medio Oriente e nel Maghreb. Si videro centinaia di ong e migliaia di cooperanti “salvatori del mondo” che percorrevano, in auto, le strade dei sud del mondo. Alcuni assomigliavano più ai nostri navigator (tutor del reddito di cittadinanza) che non avevano mai lavorato in vita loro ma teorizzavano che era un piacere mentre altri erano forti delle loro competenze tecniche e desiderosi di trasmetterle “whatever it takes” anche se non richieste. Eravamo anni luce distanti dal “lentius profundius suavius” che arrivò solo con l'ecologia di Alexander Langer. 

Ma la TV di Stato era ormai entrata in tutte le case e gli italiani obbedivano al pentapartito che non trascurava, su raccomandazione d'Oltretevere, un'attenzione ai sud e alle grandi carestie. 

 

L'unità inedita tra Marco Pannella e Flaminio Piccoli contro la “fame nel mondo” istituì la n. 73 del 1985, con il fondo (denominato Fondo aiuti italiani) per la realizzazione di programmi integrati plurisettoriali in una o più aree sottosviluppate caratterizzate da emergenza endemica e da alti tassi di mortalità. La legge prevedeva anche l'istituzione di un sottosegretariato in capo al Ministero degli Esteri incaricato di gestire il fondo. Primo sottosegretario fu il socialista Francesco Forte. Si pensò così di fuggire dalle ingerenze della politica...ma così non fu. 

Ma fu solo con la 49 del 1987 che la cooperazione internazionale diventò “parte integrante della politica estera”. Per la prima volta si parlò di “cooperazione decentrata”, di “sviluppo endogeno” seguito da una apposita DGCS (Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del MAE), di “crediti d'aiuto” preposti dal Ministero al Tesoro. A fine anni '80 l'Italia andava economicamente a gonfie vele e poteva permettersi forti “relazioni internazionali” non solo diplomatiche.

 

Le ONG (organizzazioni non governative) riconosciute e che quindi avevano superato l'esame statuale potevano attingere a un fondo cospicuo che, nel 1989, fu pari allo 0,41% del PIL. Fu inoltre istituito il CICS (Comitato Interministeriale per la Cooperazione allo Sviluppo). Le ONG che tendevano a moltiplicarsi si divisero in 3 filoni tipo bandiera italiana; cipsi (verdi), focsiv (bianchi), cocis (rossi). Furono anni interessanti che conobbero con “tangentopoli” anche la corruzione e le risorse precipitarono allo 0,11% nel 1997. Si scoprì un'autostrada fantasma in Bangladesh che faceva il paio con malfunzionanti impianti d'irrigazione in Senegal fino alla fantomatica metropolitana di Lima. Era la cooperazione internazionale che aveva aperto all'industria pro grandi opere che venne messa sotto accusa e non tanto quella delle ONG ma nella confusione furono sottratte risorse a tutti. Alle ONG vennero inoltre sottratte risorse (308 mln di euro) che son servite per la guerra in Iraq come descrisse Emanuela Citterio su Vita.

 

Insomma, tutte queste ingerenze politico partitiche non andavano bene e tutti reclamavano, per anni solo a parole in un'infinita convegnistica, che serviva una legge ad hoc che istituisse un'agenzia autonoma. Arrivò con il governo Renzi e fu istituita l'attuale 125 del 2014. Il MAE diventò MAECI (Ministero Affari Esteri e Cooperazione Internazionale) con un viceministro delegato per legge. Vengono riconosciuti di CCP (Corpi Civili di Pace) e lo SVE (Servizio Volontario Europeo) per dare opportunità oltre lo SCU (Servizio Civile Universale). Venne introdotta la sussidiarietà e potenzialmente riconosciuti altri soggetti di cooperazione internazionale come, per esempio, il commercio equo e solidale. 

Purtroppo permane un retroterra culturale non facile da dissodare e la parola “aiuto” viene citata più volte nella legge ma sarà solo con l'odierna pandemia che si comprenderà l'importanza delle relazioni internazionali e della necessità di non lasciare nessuno indietro. Perchè ne va della nostra incolumità. 

 

Fabio Pipinato 

Questo sito utilizza cookies necessari per la navigazione, nonché cookies anche di terze parti per finalità analitiche e di controllo della performance. Per l'informativa privacy e le modalità per gestire i cookies: CLICCA QUI.

Ultime notizie

Somar

Somar

Venerdì 30 luglio alle 18 si terrà la presentazione ufficiale della piattaforma web Somali Medical Archive

Prima puntata: Bihac, luglio 2021

Prima puntata: Bihac, luglio 2021

Con questo primo testo inauguriamo una rubrica dedicata allo sguardo dei nostri volontari in Servizio Civile. Partiamo con Bianca, Cecilia, Rossana e Tommaso in servizio a Bihac, Bosnia Erzegovina

Online il bilancio sociale 2020 di IPSIA

Online il bilancio sociale 2020 di IPSIA

Un anno che ha segnato e segnerà per sempre la nostra vita e la nostra memoria, inevitabilmente negli anni a venire, il 2020 ci apparirà come uno spartiacque simbolico

Papa Francesco: nuova donazione per il campo rifugiati di Lipa in Bosnia Erzegovina

Papa Francesco: nuova donazione per il campo rifugiati di Lipa in Bosnia Erzegovina

1° luglio, alla presenza del nunzio apostolico in Bosnia Erzegovina è stata posata la prima pietra per due sale polifunzionali e cucine per famiglie e minori

Migrazioni

Papa Francesco: nuova donazione per il campo rifugiati di Lipa in Bosnia Erzegovina

Papa Francesco: nuova donazione per il campo rifugiati di Lipa in Bosnia Erzegovina

1° luglio, alla presenza del nunzio apostolico in Bosnia Erzegovina è stata posata la prima pietra per due sale polifunzionali e cucine per famiglie e minori

Le attività con i migranti in Bosnia Erzegovina: report 2018-2021

Le attività con i migranti in Bosnia Erzegovina: report 2018-2021

Un report per rendere conto pubblicamente del nostro impegno, della nostra attività insieme alle persone in cammino lungo la rotta balcanica

Li vedi camminare, sempre

Li vedi camminare, sempre

E’ un popolo in cammino. Il 20 giugno è la giornata mondiale del rifugiato, celebriamo il vuoto esponenziale di una cultura abituata sempre di più a dividere, anziché unire. Un...

Chiara e Silvia

Chiara e Silvia

A Lipa assistiamo quotidianamente alle conseguenze dei numerosissimi push-back, evidente è il trauma del non comprendere perché sono stati fatto oggetto di una tale violenza senza motivazioni