خرید vpn خرید کریو خرید کریو دانلود فیلم خارجی دانلود آهنگ ایرانی دانلود فیلم خرید vpn دانلود فیلم خرید vpn خرید vpn خرید کریو Google
La storia di Peter
03
Ago
2016

La storia di Peter

Peter vive in Kenya, ha cinque anni ed è nato con un problema fisico che gli da una postura fragile e traballante. I suoi genitori hanno sempre negato il problema tenendolo in casa e isolandolo di fatto dal mondo. Un giorno un vicino, a conoscenza del caso,  convince la coppia a portare il bambino in un presidio per la fisioterapia dell'organizzazione Saint Martin CSA, supportato dalla Fondazione Fontana.

Il bimbo viene preso in cura, ma una volta tornato a casa è nuovamente abbandonato a se stesso. Gli operatori sociali del Saint Martin si interessano di nuovo a Peter, scoprendo il forte disagio dei genitori vittime dello stigma della disabilità ancora molto presente nella società kenyana, soprattutto nelle zone più povere ed emarginate.
I tempi non sono quindi ancora maturi affinché i genitori del bambino svolgano un ruolo attivo nella riabilitazione del figlio. Ecco quindi che un fisioterapista del Saint Martin inizia a recarsi nella casa di Peter per praticare la terapia riabilitativa,  affrontando regolarmente strade sterrate e sentieri poco tracciati con una motocicletta, unico mezzo di trasporto praticabile.

A poco a poco, la presenza costante del fisioterapista del Saint Martin apre un varco nell'atteggiamento di rifiuto dei due giovani genitori. Lentamente e grazie ai colloqui offerti dal Saint Martin iniziano un percorso di consapevolezza e accettazione della disabilità del figlio.

Ora Peter vive in un ambiente familiare accogliente e grazie alla riabilitazione ha maggiori contatti con la propria comunità. I suoi genitori hanno accettato la fragilità di Peter e, grazie alla formazione proposta dal Saint Martin, sono diventati volontari a supporto e appoggio di altre famiglie, aiutando a combattere lo stigma sociale e contribuendo così alla costruzione di una comunità più accogliente.

Questo sito utilizza cookies necessari per la navigazione, nonché cookies anche di terze parti per finalità analitiche e di controllo della performance. Per l'informativa privacy e le modalità per gestire i cookies: CLICCA QUI.

Ultime notizie

AFGHANISTAN ANNO ZERO

AFGHANISTAN ANNO ZERO

Ciò che è avvenuto a Kabul il 15 e il 16 agosto appare come una sorta di 8 settembre con il riaffermarsi di forze che, in altri periodi storici, non...

Somar

Somar

Venerdì 30 luglio alle 18 si terrà la presentazione ufficiale della piattaforma web Somali Medical Archive

Prima puntata: Bihac, luglio 2021

Prima puntata: Bihac, luglio 2021

Con questo primo testo inauguriamo una rubrica dedicata allo sguardo dei nostri volontari in Servizio Civile. Partiamo con Bianca, Cecilia, Rossana e Tommaso in servizio a Bihac, Bosnia Erzegovina

Online il bilancio sociale 2020 di IPSIA

Online il bilancio sociale 2020 di IPSIA

Un anno che ha segnato e segnerà per sempre la nostra vita e la nostra memoria, inevitabilmente negli anni a venire, il 2020 ci apparirà come uno spartiacque simbolico

Migrazioni

Papa Francesco: nuova donazione per il campo rifugiati di Lipa in Bosnia Erzegovina

Papa Francesco: nuova donazione per il campo rifugiati di Lipa in Bosnia Erzegovina

1° luglio, alla presenza del nunzio apostolico in Bosnia Erzegovina è stata posata la prima pietra per due sale polifunzionali e cucine per famiglie e minori

Le attività con i migranti in Bosnia Erzegovina: report 2018-2021

Le attività con i migranti in Bosnia Erzegovina: report 2018-2021

Un report per rendere conto pubblicamente del nostro impegno, della nostra attività insieme alle persone in cammino lungo la rotta balcanica

Li vedi camminare, sempre

Li vedi camminare, sempre

E’ un popolo in cammino. Il 20 giugno è la giornata mondiale del rifugiato, celebriamo il vuoto esponenziale di una cultura abituata sempre di più a dividere, anziché unire. Un...

Chiara e Silvia

Chiara e Silvia

A Lipa assistiamo quotidianamente alle conseguenze dei numerosissimi push-back, evidente è il trauma del non comprendere perché sono stati fatto oggetto di una tale violenza senza motivazioni