خرید vpn خرید کریو خرید کریو دانلود فیلم خارجی دانلود آهنگ ایرانی دانلود فیلم خرید vpn دانلود فیلم خرید vpn خرید vpn خرید کریو Google
La comunità educativa
20
Mag
2020

La comunità educativa

A Scutari volgono ormai al termine i lavori di costruzione della comunità educativa, un servizio innovativo per l’Albania che, a partire dall’estate, ospiterà 8 bambini (tra i 6 e i 18 anni) provenienti dagli orfanotrofi della città. La comunità educativa rientra all’interno del progetto “La Comunità del futuro – AID10950” ed ha come fine ultimo l’inclusione sociale di alcuni minori ai quali cerca di offrire un’esperienza emozionale correttiva orientata a garantire reali occasioni di protezione, sostegno, supporto alle funzioni evolutive che sono state minate da dinamiche familiari deprivanti.
La struttura sarà il primo servizio pubblico che soddisfa le richieste del processo di deistituzionalizzazione e decentramento previste dalle riforme nazionali in atto. Essa verrà sovvenzionata dai fondi centrali del Ministero della Salute e del Welfare gestita a livello locale dal Comune di Scutari. Nell’ottica del principio del decentramento, la casa vuole essere un servizio comunitario a supporto dei minori (e delle loro famiglie) residenti sul territorio.
La collocazione della struttura all’interno della città è stata pensata nell’ottica di perseguire il fine inclusivo anche da un punto di vista spaziale/territoriale. La comunità si trova infatti in un tranquillo quartiere residenziale di Scutari, in una zona abbastanza centrale, circondata da altre palazzine. La presenza di numerose famiglie con figli piccoli aggiunta a quella di alcuni spazi verdi ed un grande cortile poco trafficato rende il quartiere un luogo ideale per la socializzazione dei bambini della comunità con quelli che abitano nel contesto circostante e i loro genitori
Progettazione, costruzione e arredamento sono stati concepiti e realizzati coerentemente al modello educativo e relazionale che verrà adottato all’interno del servizio: il modello ATG (Ambiente Terapeutico Globale), un approccio che rimanda all’idea di comunità come luogo immaginato e progettato in modo che l’organizzazione degli spazi, dei tempi e delle attività del quotidiano siano parte sostanziale dell’intervento educativo. Impostare la struttura (dagli spazi fisici fino alle attività quotidiane) come parte integrante dell’intervento terapeutico ha come obiettivo specifico quello di riparare i precoci fallimenti ambientali. Gli spazi interni sono stati pensati il più possibile affini a quelli di una qualsiasi altra casa privata. Al piano terra si trovano: l’ingresso principale; l’ufficio della coordinatrice; un corridoio dal quale è possibile accedere alla cucina-sala da pranzo, al soggiorno/stanza TV e svago, alla saletta studio (che per necessità può diventare anche sala di incontro per i minori e le famiglie), ai 2 bagni e al magazzino. Al primo piano si trova un corridoio dal quale si accede a: 4 stanze da letto doppie per gli ospiti della struttura, 2 stanze da letto singole per gli educatori in turno, una stanza doppia “per gli ospiti” e 2 bagni. Nell’area esterna alla struttura è presente un ampio giardino che verrà utilizzato come area gioco e come orto coltivato dai bambini con il supporto dello staff. La cura e la sistemazione degli spazi esterni, al pari degli altri momenti di vita quotidiana, diventeranno parte integrante del progetto educativo generale.

Questo sito utilizza cookies necessari per la navigazione, nonché cookies anche di terze parti per finalità analitiche e di controllo della performance. Per l'informativa privacy e le modalità per gestire i cookies: CLICCA QUI.

Ultime notizie

Giocando si impara, in compagnia di educatrici e volontarie!!

Giocando si impara, in compagnia di educatrici e volontarie!!

Chi l’ha detto che si impara solo sui libri di scuola, nella propria stanzetta?

Una Guerra Infinita

Una Guerra Infinita

Dopo 70 anni dall’inizio del conflitto arabo-palestinese/israeliano a maggio l’ennesima guerra su Gaza

Notizie dai CEF

Notizie dai CEF

Notizie, attività e aggiornamenti dalle attività che IPSIA svolge e realizza all'interno dei Centri Educativi Fuoriclasse di Musucco, alla periferia di Milano, in collaborazione con Save The Children e le...

La transizione ecologica nelle città africane

La transizione ecologica nelle città africane

Il contesto africano conosce ormai da anni una crescente urbanizzazione: le popolazioni si spostano dalle campagne alle città, con problematiche di fornitura di servizi e tutela degli habitat naturali

Migrazioni

Chiara e Silvia

Chiara e Silvia

A Lipa assistiamo quotidianamente alle conseguenze dei numerosissimi push-back, evidente è il trauma del non comprendere perché sono stati fatto oggetto di una tale violenza senza motivazioni

Emergenza Bosnia - I nuovi interventi per i migranti di Lipa

Emergenza Bosnia - I nuovi interventi per i migranti di Lipa

Un intervento decisivo e un ottimo passo in avanti, che permetterà ai richiedenti asilo di affrontare un po’ meglio il gelo dell’inverno

BALKAN ROUTE: BOSNIA ERZEGOVINA, A UN PASSO DALLA CATASTROFE UMANITARIA

BALKAN ROUTE: BOSNIA ERZEGOVINA, A UN PASSO DALLA CATASTROFE UMANITARIA

In questo momento la situazione delle persone a Lipa è prioritaria e IPSIA ha deciso di prolungare e rilanciare la campagna di raccolta fondi

You will see…

You will see…

Dal blog di Silvia Maraone, un racconto di un viaggio davanti all’ennesimo bicchiere di tè bollente, di uno tra i troppi minori non accompagnati che da anni attraversano le frontiere della...