خرید vpn خرید کریو خرید کریو دانلود فیلم خارجی دانلود آهنگ ایرانی دانلود فیلم خرید vpn دانلود فیلم خرید vpn خرید vpn خرید کریو Google
Ai confini dell'UE tra proteste e marce
26
Ott
2018

Ai confini dell'UE tra proteste e marce

Quello che sta accadendo in questi ultimi giorni al confine tra Bosnia Erzegovina e Croazia è conseguenza di una situazione che si protrae da mesi. Le manifestazioni di questi giorni rappresentano la prima grande protesta di piazza dei cittadini di Bihać (BiH) seguite da quelle dei migranti stessi.

Alla manifestazione cittadina hanno preso parte centinaia di persone ed è la prima volta che si vede in città, dopo anni, una manifestazione così imponente. Ce n'erano state altre quest'estate ma alle quali c'era stata poca partecipazione. Non è stata una protesta contro la presenza dei migranti ma contro il modo con cui si sta gestendo la situazione dei migranti. L'adesione massiccia di questi tre giorni dimostra che si è arrivati a un limite, anche perché effettivamente il numero dei migranti in questo territorio si stima sia arrivato tra le 3 e le 5mila persone.

IPSIA, in questi mesi di collaborazione con la Croce Rossa di Bihać e altri gruppi e associazioni in attività di accoglienza e sostegno dei migranti, ha potuto seguire da vicino la situazione a Bihać dove i migranti, per lo più uomini soli, sono accampati in edifici fatiscenti appena fuori dal centro abitati e sguarniti di tutto.

Silvia Maraone, esperta di migrazioni opera per Ipsia lungo la rotta balcanica fin dal 2015, racconta questi ultimi giorni:

Il disagio dei migranti e la protesta

Dal campo informale di Velika Kladuša si sono mossi tra i 200 e i 300 migranti in direzione della frontiera tra Bosnia Erzegovina e Croazia con l'intenzione di passarla ed entrare così nell'UE. Un paio di ore dopo di loro si sono incamminate anche delle famiglie, quindi adulti con bambini, dall'Hotel di Sedra in direzione di Bihać.
Il primo gruppo è arrivato al posto di frontiera di Maljevac ma dopo alcune ore, trovando il blocco della polizia, è tornato indietro. Il secondo gruppo di circa 100 persone è arrivato a Bihać scortato dalla polizia bosniaca, si è fermato per qualche ora e poi ha deciso di proseguire verso il confine di Izačić. Sono arrivati qui ieri sera e vi hanno passato la notte. Diversi cittadini del paesino di Izačić li hanno sostenuti distribuendo cibo, bevande calde e rimanendo a parlare con loro.
In questi ultimi giorni la polizia, a seguito delle proteste dei cittadini, sta facendo tornare indietro verso Sarajevo, tramite autobus, i migranti che arrivano di notte con i treni nel Cantone dell'Una-Sana, con direzione il nuovo campo di Hadžići. Questo sta portando ad una escalation della situazione e a scontri tra polizia e migranti ai confini.

Un'accoglienza dignitosa e organizzata?

Per ora abbiamo ricevuto proprio ieri la notizia dell'apertura di un nuovo campo che dovrebbe migliorare la qualità della vita dei migranti e permettere così di sgomberare sia il campo informale di Velika Kladuša in cui i migranti vivono all'aperto sotto le tende che il fatiscente Dom "Borići". E' stata finalmente individuata una fabbrica, la Bira, che si trova vicino alla stazione di Bihać, che stiamo aspettando venga messa in fuzione a seguito dei tender di IOM per l'installazione di 200 container abitativi e 20 container igienici.
Mentre abbiamo saputo, alla riunione di coordinamento avvenuta qualche giorno a Sarajevo, che la caserma ad Hadžići situatata a sud-est di Sarajevo in grado di ospitare fino a 300 persone è stata messa in funzione. 
Tutto questo di certo non fermerà il flusso e il tentativo, da parte di queste persone di paesi come il Pakistan, l'Afghanistan o l'Iran e che sono in viaggio da anni, di varcare le porte dell'Unione.

Ecco le ultime interviste di Silvia Maraone:

Radio InBlu: 25/10/2018 Radio Onda d'Urto: 23/10/2018 - Radio Popolare: 23/10/2018

Intervista a Silvia Maraone pubblicata originariamente su OBC Transeuropa


Cosa puoi fare?

Fai una donazione, condividi questa raccolta fondi e approfondisci e resta aggiornato su cosa succede.
Con il tuo contributo IPSIA acquisterà materiale igienico-sanitario, coperte, cibo e acqua per i bisogni primari dei migranti in transito.

Per fare una donazione

Fai una donazione online cliccando qui, con carta di credito e/o attraverso il tuo conto Paypal. 
Oppure fai un versamento con un bonifico bancario: IBAN IT35S0501803200000011014347 intestato a IPSIA (dettagli delle coordinate bancarie).

 

Notizie più lette

Viaggio in Bosnia Erzegovina per il miniponte del 2 giugno

Sono aperte le iscrizioni per il viaggio naturalistico culturale nel Parco Nazionale della Una, nel Nord Ovest della Bosnia Erzegovina, alla scoperta di paesaggi, tradizioni e sapori, dal 29 maggio...

Servizio Civile: candidature entro il 23.04!

Ricordiamo agli aspiranti volontari che è il 23 aprile la data entro la quale devono pervenire alla sede nazionale delle Acli di Roma le domande di partecipazione per il progetto “Promuovere partecipazione...

Lotteria IPSIA 2015 per Terre e Libertà e Alimentare lo Sviluppo

Il 20 luglio 2015 alle ore 20.00 c/o la sede della Acli Provinciali di Milano, si è tenuta l’estrazione della “Lotteria IPSIA 2015″. 3644 il numero dei biglietti venduti. Di...

Al via il corso di serbo croato bosniaco di Ipsia Milano!

Inizia il 16 novembre il tradizionale corso di lingua proposto dalla sede milanese, diviso nei livelli base e intermedio. Una occasione per conoscere lingua e cultura dei Balcani. Iscrizioni aperte!

Migrazioni

Osservatorio sull'inclusione finanziaria dei migranti: pubblicato il IV rapporto

Disponibile online il IV rapporto dell'Osservatorio Nazionale sull'Inclusione Finanziaria dei Migranti, realizzato dal Cespi, con la collaborazione di Ipsia sul territorio di Milano

IPSIA del Trentino e "Scacco Matto Afghanistan"

IPSIA del Trentino questa settimana promuove lo spettacolo teatrale "Scacco Matto Afghanistan" per far riflettere 6 gruppi di studenti tra i 15 ed i 18 anni sul tema dell'emergenza profughi.

Nuovo piano europeo per le gestire le migrazioni

A breve al Consiglio europeo verrà discussa la proposta della Commissione di usare la politica estera e di cooperazione allo sviluppo per fermare le migrazioni.

Migrazioni? Business as usual

Il Consiglio europeo del 15 dicembre 2016 non ha visto alcun nuovo accordo per superare l'assenza di solidarietà tra i Paesi Membri, nella gestione dell'accoglienza dei rifugiati.

Calendario notizie