خرید vpn خرید کریو خرید کریو دانلود فیلم خارجی دانلود آهنگ ایرانی دانلود فیلم خرید vpn دانلود فیلم خرید vpn خرید vpn خرید کریو Google
Migrazioni? Business as usual
21
Dic
2016

Migrazioni? Business as usual

Riportiamo qui si seguito la posizione di Concord Italia circa i risultati che non sono stati ottenuti al Consiglio Europeo del 15 dicembre scorso, dal quale ci si sarebbe aspettati una soluzione concreta alla totale mancanza di solidarietà tra i paesi membri, rispetto alla gestione dell'accoglienza dei rifugiati, che continua a ricadere su Italia e Grecia.

Buona lettura!

A cura di Andrea Stocchiero *

Niente di nuovo sul fronte delle politiche migratorie. Il Consiglio europeo del 15 dicembre 2016, che ha visto la partecipazione del nuovo presidente del consiglio italiano, Paolo Gentiloni, si è risolto con nessun nuovo accordo per risolvere la mancanza di solidarietà interna tra i paesi membri, per condividere l’accoglienza dei rifugiati. Viceversa continua in modo frenetico l’attivismo dell’Alto Rappresentante Europeo per gli Affari Esteri, Mogherini, della Commissione europea e dei ministri di stati europei per convincere i paesi africani a fermare le migrazioni. In questi ultimi mesi si contano oltre 20 visite politiche di alto livello dall’Etiopia al Senegal.

Sul versante interno continua lo stallo sulla riforma del regolamento di Dublino e sulla misura di ricollocazione dei rifugiati. Nonostante gli appelli a una maggiore solidarietà e la pressione del governo italiano per suddividere il peso dell’accoglienza, i paesi dell’Europa orientale, in particolare l’Ungheria, la Repubblica Ceca e la Polonia, resistono sulle loro posizioni di blocco dei ricollocamenti, mentre gli altri paesi certo non eccellono nel far crescere il numero dei rifugiati che dalla Grecia e dall’Italia dovrebbero entrare nei loro sistemi di accoglienza: poche migliaia rispetto ai 160 mila previsti. Anzi, si apprestano da marzo del 2017 a far tornare in Grecia migliaia di persone a cui è stato negato il rifugio, come annunciato dalla Commissione europea. La situazione in questo paese, ma anche in Italia, non migliorerà: sempre più migranti saranno tenuti in campi sovraffollati, in attesa di avere una risposta alla loro domanda di rifugio. Molti abbandonati a sé stessi. Incancrenendo quindi le tensioni sociali, in balia delle strumentalizzazioni politiche e di un crescente sentimento contrario all’accoglienza.

Mentre la dimensione interna nel governo delle migrazioni non trova una soluzione positiva, la dimensione esterna di controllo e freno dei flussi continua e accelera. Le numerose visite di rappresentanti politici e ministeriali premono sui governi di Niger, Mali, Senegal, Nigeria ed Etiopia affinché acconsentano a introdurre misure per fermare le migrazioni sui loro territori, con maggiori controlli alle frontiere, e a far tornare indietro i migranti. Secondo l’Alto Rappresentante Mogherini i flussi dal Niger sono crollati da 70mila persone a 1500 in pochi mesi. Il nuovo patto della Commissione con il governo del Niger sembra funzionare. D’altra parte la stessa Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, che gestisce il centro di transito di Agadez con i soldi della Commissione, avverte che questi numeri sono dubbi. Perché sono una stima fondata su poche osservazioni e perché non tengono conto di possibili altre rotte che si stanno aprendo a fianco di quelle controllate. Negli stessi mesi sono stati rimpatriati dal Niger verso altri paesi africani di origine circa 4400 persone, e dai paesi europei verso i paesi africani 2700 migranti.

Il rimpatrio è la carta su cui vuole giocare forte la Commissione europea nei prossimi mesi, per dare un segnale inequivocabile a chi volesse partire verso l’Europa dai paesi africani: in Europa non c’è più posto.

E quindi occorre aiutarli in casa loro affinché non vengano da noi. La Commissione aumenta le risorse del Fondo fiduciario di emergenza per l’Africa di altri 500 milioni di euro. In un anno ha finanziato 64 programmi per la creazione di occupazione (e il controllo delle frontiere) per un miliardo di euro. Nel 2017 sono previsti altri 726 milioni di euro per nuovi progetti sulle migrazioni. Il piano di investimenti esterni dovrebbe mobilitare altri miliardi di euro. Ma queste sono misure che avranno impatto (se tutte le condizioni saranno positive, in paesi ad alto rischio di conflitti, tensioni, disastri ambientali) nel medio-lungo termine. Dopo che le politiche locali e internazionali hanno fondato lo sviluppo africano sull’estrazione delle risorse naturali, sulle monoculture, sull’accaparramento delle terre, espellendo contadini. I migranti continueranno ad essere oggetto degli affari dei trafficanti, ad essere sospesi nel limbo e confinati in campi profughi, centri di transito e centri di detenzione Ai margini, esclusi, espulsi. Oppure possono tonare nei loro paesi, nella loro condizione di sopravvivenza, senza alternative.

Di fronte a un‘Europa cinica, chiusa e miope, che non scommette in nuove visioni di sviluppo umano e sostenibile condiviso, nonostante tutti i begli impegni presi con l’Agenda 2030.

*Andrea Stocchiero, Coordinamento Concord Italia – Focsiv

 

Notizie più lette

Viaggio in Bosnia Erzegovina per il miniponte del 2 giugno

Sono aperte le iscrizioni per il viaggio naturalistico culturale nel Parco Nazionale della Una, nel Nord Ovest della Bosnia Erzegovina, alla scoperta di paesaggi, tradizioni e sapori, dal 29 maggio...

Servizio Civile: candidature entro il 23.04!

Ricordiamo agli aspiranti volontari che è il 23 aprile la data entro la quale devono pervenire alla sede nazionale delle Acli di Roma le domande di partecipazione per il progetto “Promuovere partecipazione...

Presentazione campo di volontariato estivo in Senegal

Giovedì 16 aprile 2015 c/o NIOFAR - 4° festival dell'amicizia itaolo-senegalese verrà presentata la proposta di campo estivo e il progetto di cooperazione internazionale "Alimentare lo Sviluppo".

Lotteria IPSIA 2015 per Terre e Libertà e Alimentare lo Sviluppo

Il 20 luglio 2015 alle ore 20.00 c/o la sede della Acli Provinciali di Milano, si è tenuta l’estrazione della “Lotteria IPSIA 2015″. 3644 il numero dei biglietti venduti. Di...

Migrazioni

Osservatorio sull'inclusione finanziaria dei migranti: pubblicato il IV rapporto

Disponibile online il IV rapporto dell'Osservatorio Nazionale sull'Inclusione Finanziaria dei Migranti, realizzato dal Cespi, con la collaborazione di Ipsia sul territorio di Milano

IPSIA del Trentino e "Scacco Matto Afghanistan"

IPSIA del Trentino questa settimana promuove lo spettacolo teatrale "Scacco Matto Afghanistan" per far riflettere 6 gruppi di studenti tra i 15 ed i 18 anni sul tema dell'emergenza profughi.

Nuovo piano europeo per le gestire le migrazioni

A breve al Consiglio europeo verrà discussa la proposta della Commissione di usare la politica estera e di cooperazione allo sviluppo per fermare le migrazioni.

Migrazioni? Business as usual

Il Consiglio europeo del 15 dicembre 2016 non ha visto alcun nuovo accordo per superare l'assenza di solidarietà tra i Paesi Membri, nella gestione dell'accoglienza dei rifugiati.

Calendario notizie