خرید vpn خرید کریو خرید کریو دانلود فیلم خارجی دانلود آهنگ ایرانی دانلود فیلم خرید vpn دانلود فیلم خرید vpn خرید vpn خرید کریو Google
Proseguono i percorsi formativi per promotori sociali immigrati a Milano e provincia
15
Gen
2015

Proseguono i percorsi formativi per promotori sociali immigrati a Milano e provincia

Proseguono le attività formative del percorso "Cittadini immigrati: nuovi attori di promozione sociale" realizzato da Ipsia Milano in collaborazione con Acli provinciali di Milano, Patronato Acli, AVAL e Sunugal.

Il progetto prevede lo svolgimento di percorsi formativi sperimentali per promotori sociali immigrati: figure integrate nel contesto italiano, che siano riferimenti significativi per le proprie comunità di connazionali e per i territori in cui abitano, e che possano fare da ponte, dove necessario, con i servizi che il Patronato Acli offre ai cittadini.

Il primo percorso formativo si è svolto a Milano lo scorso novembre, e ha visto la partecipazione di 12 persone rappresentative di diverse comunità nazionali (Senegal, Nigeria, Perù, Brasile, Bolivia, Albania, Kenya, Marocco, Colombia). Molte più numerose le richieste, grazie anche alla diffusione della proposta all'interno delle associazioni del Forum Città Mondo. Si ipotizza quindi di ripetere il percorso in primavera.

Si è avuta la possibilità di testare l'adattamento dei contenuti normalmente previsti per la formazione dei promotori sociali italiani al target di origine straniera. Le principali specificità sono ovviamente legate a una esperienza in prima persona di molte delle procedure inerenti il percorso migratorio, ma anche a un maggiore interesse per i risvolti transnazionali dei temi della previdenza e dei benefici fiscali. I moduli affrontati hanno riguardato le procedure per l'immigrazione, i benefici fiscali, la previdenza e l'invalidità. Tutti i moduli sono stati gestiti da esperti del Patronato Acli di Milano.

Il percorso sarà ora replicato nel territorio provinciale, e specificamente a Corbetta, Cassano d'Adda e Cinisello Balsamo. Anche qui la collaborazione fra livello associativo e servizi è già stata avviata per permettere di individuare i destinatari dei percorsi.

"Cittadini immigrati: nuovi attori di promozione sociale" è un progetto di Ipsia Milano finanziato dal Fondo dell’Osservatorio Nazionale per il Volontariato – Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali (ex Legge 266/1991) – DIRETTIVA 2013.

Ultime notizie

Conclusa la campagna di crowdfunding

Conclusa la campagna di crowdfunding a sostegno dei campi profughi presenti lungo la Balkan Route. E il merito è tutto dei 68 "sostenitori" del progetto “Un Social Cafè lungo la rotta balcanica”.

Proteggere l’ambiente e fare impresa

In Senegal il programma PAISIM supporta iniziative imprenditoriali che coniugano business e tutela ambientale. Una sfida da vincere per contrastare cambiamenti climatici e creare lavoro

Maziwa ni pesa!

Il progetto Maziwa, che supporta la filiera del latte in Kenya, giunge al termine della prima annualità portando benefici a oltre 2000 produttori riuniti in cinque cooperative nella regione di...

A Scutari operatori in formazione

Continuano i corsi di formazione e aggiornamento per gli operatori che lavorano nei servizi residenziali per orfani di Scutari. Sono circa 60 le persone che da febbraio stanno prendendo parte agli...

Migrazioni

Osservatorio sull'inclusione finanziaria dei migranti: pubblicato il IV rapporto

Disponibile online il IV rapporto dell'Osservatorio Nazionale sull'Inclusione Finanziaria dei Migranti, realizzato dal Cespi, con la collaborazione di Ipsia sul territorio di Milano

IPSIA del Trentino e "Scacco Matto Afghanistan"

IPSIA del Trentino questa settimana promuove lo spettacolo teatrale "Scacco Matto Afghanistan" per far riflettere 6 gruppi di studenti tra i 15 ed i 18 anni sul tema dell'emergenza profughi.

Nuovo piano europeo per le gestire le migrazioni

A breve al Consiglio europeo verrà discussa la proposta della Commissione di usare la politica estera e di cooperazione allo sviluppo per fermare le migrazioni.

Migrazioni? Business as usual

Il Consiglio europeo del 15 dicembre 2016 non ha visto alcun nuovo accordo per superare l'assenza di solidarietà tra i Paesi Membri, nella gestione dell'accoglienza dei rifugiati.