خرید vpn خرید کریو خرید کریو دانلود فیلم خارجی دانلود آهنگ ایرانی دانلود فیلم خرید vpn دانلود فیلم خرید vpn خرید vpn خرید کریو Google
In avvio il progetto “Alimentare lo sviluppo” in Senegal
06
Mar
2015

In avvio il progetto “Alimentare lo sviluppo” in Senegal

Con il 2015 è formalmente avviato il progetto “Alimentare lo sviluppo. Agricoltura familiare e filiere di trasformazione nelle regioni di Thies e Louga”, cofinanziato all’interno del bando Nutrire il pianeta da Fondazione Cariplo, Comune di Milano e Regione Lombardia.

Il progetto è sviluppato in partenariato da Ipsia, l’associazione di migranti Sunugal, e gli enti di formazione professionale Enaip Lombardia e Enaip Piemonte. Controparte locale è Sunugal Senegal, referente dell’associazione omonima per i progetti di co-sviluppo già realizzati nei percorsi di Fondazioni4Africa e Milano per il co-sviluppo.

Si tratta di un partenariato composito che nasce dalle esperienze di collaborazione di Ipsia con l’associazionismo migrante senegalese e dall’esperienza di Enaip Piemonte nel contesto dell’Africa Occidentale. La collaborazione con Enaip Lombardia, legata principalmente alle azioni di sensibilizzazione e educazione alla cittadinanza mondiale da svolgersi in Italia, permetterà di portare le tematiche della sovranità alimentare e dell’intercultura nel settore della formazione professionale, area scolastica usualmente meno coinvolta in queste iniziative.

Il progetto si propone di rafforzare le filiere di produzione agricola e trasformazione alimentare di una decina di villaggi nelle comunità di Ndande e Merina Ndakhar. Si tratta di aree rurali caratterizzate da produzioni agricole a gestione familiare, rese difficoltose dalla limitata disponibilità di acqua e dalle tecnologie arretrate. I giovani tendono a emigrare verso la città e l’estero, in cerca di maggiori opportunità. Gli interventi di Sunugal nei villaggi di Beud Dieng e Ndiaye Thioro hanno rappresentato già in passato una occasione di occupazione e reddito per giovani e donne: il progetto “Alimentare lo sviluppo” mira a capitalizzare tali esperienze e portarle a livello di filiera.

Settimana scorsa si è svolta a Milano la pianificazione delle attività di progetto in Senegal con Stefania Gesualdo, individuata come referente in loco per Ipsia e Sunugal. Con il suo rientro in Senegal si avvieranno le attività previste coinvolgendo la rete dei beneficiari, circa 1300 persone nei gruppi economici dell’area.

Il progetto, insieme all’intervento approvato dal Ministero Affari Esteri in Kenya a favore della Meru Herbs e in avvio nei prossimi mesi, marca l’impegno di Ipsia nel settore dello sviluppo rurale e della sovranità alimentare in Africa, tema di lavoro prioritario dell’organizzazione nei prossimi tre anni.

Ultime notizie

La sfida delle imprese migranti

Le imprese di iniziativa migrante rappresentano un attore essenziale dell’economia Senegalese. Il progetto PAISIM accompagna 10 di queste esperienze transnazionali fra Senegal e Italia

Aperte le iscrizioni a TL19

Sono aperte le iscrizioni ai campi di volontariato all’estero organizzati per i mesi estivi da IPSIA!

Al via la campagna di crowdfunding

IPSIA si prepara ad una nuova sfida nei Balcani che conferma l’impegno e l’attenzione verso i campi profughi presenti lungo la Balkan Route, ma con una novità: tutti possono sostenere...

Tra Bosnia e Croazia il “gioco” disperato dei migranti verso l’UE

Cresce la pressione in Bosnia, Cantone di Una-Sana: un articolo di Michele Luppi, che insieme a una delegazione di Caritas Lombardia ha visitato le attività di IPSIA.

Migrazioni

Osservatorio sull'inclusione finanziaria dei migranti: pubblicato il IV rapporto

Disponibile online il IV rapporto dell'Osservatorio Nazionale sull'Inclusione Finanziaria dei Migranti, realizzato dal Cespi, con la collaborazione di Ipsia sul territorio di Milano

IPSIA del Trentino e "Scacco Matto Afghanistan"

IPSIA del Trentino questa settimana promuove lo spettacolo teatrale "Scacco Matto Afghanistan" per far riflettere 6 gruppi di studenti tra i 15 ed i 18 anni sul tema dell'emergenza profughi.

Nuovo piano europeo per le gestire le migrazioni

A breve al Consiglio europeo verrà discussa la proposta della Commissione di usare la politica estera e di cooperazione allo sviluppo per fermare le migrazioni.

Migrazioni? Business as usual

Il Consiglio europeo del 15 dicembre 2016 non ha visto alcun nuovo accordo per superare l'assenza di solidarietà tra i Paesi Membri, nella gestione dell'accoglienza dei rifugiati.